Audiologia e Acufene : il forum senza censura !!
 
Pagina precedente | 1 | Pagina successiva

Mi presento e vi racconto la mia storia

Ultimo Aggiornamento: 14/01/2018 10.23
Autore
Stampa | Notifica email    
OFFLINE
Post: 3
10/01/2018 23.04

Salve a tutti, mi presento. Mi chiamo tony, ho 24 anni da poco compiuti e sono uno studente universitario di musica. Provero' ad essere breve anche se sarà difficile esserlo soprattutto perche' chi di dovere ( I medici ) non sono in grado di darmi delle risposte.
La mia odissea inizia piu' di 2 mesi fa, con un mal di testa notato perche' storicamente prima di quel giorno avevo sofferto 5 volte di mal di testa in tutta la mia vita.
mal di testa che dalle tempie successivamente si espande a tutta la testa , facendomi pensare subito ad una brutta malattia. col passare dei giorni inizio gli esami, tac encefalo su consiglio del primo otorino che mi aveva visto, esami del sangue, visita oculistica ( lamentavo e lamento tutt'ora problemi di equilibrio e di messa a fuoco degli oggetti ) la situazione peggiora : Sento le orecchie come se fossero ovattate, ahime' le sento tutt'ora cosi.
continuo ad approfondire , finche' un neurologo mi dice che secondo lui ho una disfunzione temporo-mandibolare. Fa il nome della sindrome di Costen.
Provo felicità, pensando che finalmente sarebbe iniziata una terapia che mi avrebbe riportato a vivere la mia vita normalmente. Se sono qui..capite che mi sbagliavo di grosso. Mi mandano in una clinica gnatologica, viene confermato il mio problema mandibolare. Sollecito sempre il fattore OVATTAMENTO alle orecchie, mi viene detto che indossando il bite in poco piu di 10 giorni avro' dei miglioramenti visibili.
Risultato? dopo 15 giorni di bite inizio a sentire qualcosa che non avevo mai sentito, un sibilo simile agli ultrasuoni che si usano per i cani, quel sibilo che conosciamo tutti qui dentro..
Mi informo di più. Scopro di avere quella cosa che solo per sentito dire mi spaventava, soprattutto con la professione che sogno di fare e che a questo punto non so piu' se mi sara' possibile fare.
Vado da un altro otorino, prove audiometriche e impedenzometriche perfette, mi prende quasi per pazzo quando riferisco di avere un sibilo e che di notte ho molta difficolta' a prendere sonno. Mi prescrive un noto farmaco per l'ansia dagli effetti psicotici.Dopo qualche giorno , mi accorgo che sono di botto diventato ipersensibile ad alcune frequenze, soprattutto quelle acute. i freni delle macchine mi mandano al manicomio per esempio..Iperacusia da quanto ho appreso poi su internet.
Spese da inizio novembre ad ora : Piu' di 2000€, risultati ottenuti : Meno di 0, terapie proposte in modo convincente , meno di 0.
Scusate la lunghezza del post ma dovevo presentarmi per dare a tutti voi un quadro quasi chiaro della mia situazione..
ora andro' al sodo e vi vorrei fare delle domande..per capire come meglio comportarmi nell'affrontare il nemico piu' grande.
Qualcuno qui dentro si e' sentito gia' dire che il suo acufene e' di origine temporo-mandibolare ?
secondo voi dovrei approfondire il problema con l'ennesimo gnatologo, o con l'ennesimo otorino?
Come posso gestire l'iperacusia? andare in giro con i tappi puo' essere una soluzione decente..?
e come mi comporto nel gestire l'acufene soprattutto i primi tempi? sono circa a 15 giorni con questa brutta storia e non so ancora minimamente come affrontarlo .. Ringrazio in anticipo chi ha avuto la pazienza e il tempo di leggere questo poema e chi mi risponderà fornendomi esperienze,idee,o quant'altro. Un abbraccio a tutti, Tony.
[Modificato da tony250 10/01/2018 23.10]
Mi presentoHonda Dominatorpresento18/07/2018 12.03 by Fabiopk50
Quarto di finale FEDERICA MASOLIN vs MIA CERANTELEGIORNALISTE FANS FORU...mia09/07/2018 23.55
2 FOX MINI MICRON...la storiaCARPMERCATINOstoria27/06/2018 15.49 by loris1978
OFFLINE
Post: 105
11/01/2018 11.31

scusami se ti sembro un po brusco ma tutti all'inizio come te sono caduti nelle varie trappole per acufenizzati e attento che ce ne sono altre in giro, LaTorre, l'agopuntura, la trt, non farti fregare altri soldi da questi avvoltoi e aspetta, vedrai che la situazione migliorerà [SM=g6920] [SM=g11052] [SM=g2284376] [SM=g9991]
OFFLINE
Post: 3
11/01/2018 13.44

maarco95, 11/01/2018 11.31:

scusami se ti sembro un po brusco ma tutti all'inizio come te sono caduti nelle varie trappole per acufenizzati e attento che ce ne sono altre in giro, LaTorre, l'agopuntura, la trt, non farti fregare altri soldi da questi avvoltoi e aspetta, vedrai che la situazione migliorerà [SM=g6920] [SM=g11052] [SM=g2284376] [SM=g9991]



Grazie Marco , devo ancora accettare l'idea di essere svegliato da un fischio.
Alle orecchie accuso un ovattamento fastidioso e di tanto in tanto sento che mi si tappa ancora di piu l orecchio dx come se con uno sbalzo di pressione .. non so spiegare bene , è possibile che sia idripe ? Ho tutti i sintomi compreso difficoltà nell'equilibrio . Sto diventando pazzo
OFFLINE
Post: 17
13/01/2018 17.30

Re:
tony250, 10/01/2018 23.04:

Salve a tutti, mi presento. Mi chiamo tony, ho 24 anni da poco compiuti e sono uno studente universitario di musica. Provero' ad essere breve anche se sarà difficile esserlo soprattutto perche' chi di dovere ( I medici ) non sono in grado di darmi delle risposte.
La mia odissea inizia piu' di 2 mesi fa, con un mal di testa notato perche' storicamente prima di quel giorno avevo sofferto 5 volte di mal di testa in tutta la mia vita.
mal di testa che dalle tempie successivamente si espande a tutta la testa , facendomi pensare subito ad una brutta malattia. col passare dei giorni inizio gli esami, tac encefalo su consiglio del primo otorino che mi aveva visto, esami del sangue, visita oculistica ( lamentavo e lamento tutt'ora problemi di equilibrio e di messa a fuoco degli oggetti ) la situazione peggiora : Sento le orecchie come se fossero ovattate, ahime' le sento tutt'ora cosi.
continuo ad approfondire , finche' un neurologo mi dice che secondo lui ho una disfunzione temporo-mandibolare. Fa il nome della sindrome di Costen.
Provo felicità, pensando che finalmente sarebbe iniziata una terapia che mi avrebbe riportato a vivere la mia vita normalmente. Se sono qui..capite che mi sbagliavo di grosso. Mi mandano in una clinica gnatologica, viene confermato il mio problema mandibolare. Sollecito sempre il fattore OVATTAMENTO alle orecchie, mi viene detto che indossando il bite in poco piu di 10 giorni avro' dei miglioramenti visibili.
Risultato? dopo 15 giorni di bite inizio a sentire qualcosa che non avevo mai sentito, un sibilo simile agli ultrasuoni che si usano per i cani, quel sibilo che conosciamo tutti qui dentro..
Mi informo di più. Scopro di avere quella cosa che solo per sentito dire mi spaventava, soprattutto con la professione che sogno di fare e che a questo punto non so piu' se mi sara' possibile fare.
Vado da un altro otorino, prove audiometriche e impedenzometriche perfette, mi prende quasi per pazzo quando riferisco di avere un sibilo e che di notte ho molta difficolta' a prendere sonno. Mi prescrive un noto farmaco per l'ansia dagli effetti psicotici.Dopo qualche giorno , mi accorgo che sono di botto diventato ipersensibile ad alcune frequenze, soprattutto quelle acute. i freni delle macchine mi mandano al manicomio per esempio..Iperacusia da quanto ho appreso poi su internet.
Spese da inizio novembre ad ora : Piu' di 2000€, risultati ottenuti : Meno di 0, terapie proposte in modo convincente , meno di 0.
Scusate la lunghezza del post ma dovevo presentarmi per dare a tutti voi un quadro quasi chiaro della mia situazione..
ora andro' al sodo e vi vorrei fare delle domande..per capire come meglio comportarmi nell'affrontare il nemico piu' grande.
Qualcuno qui dentro si e' sentito gia' dire che il suo acufene e' di origine temporo-mandibolare ?
secondo voi dovrei approfondire il problema con l'ennesimo gnatologo, o con l'ennesimo otorino?
Come posso gestire l'iperacusia? andare in giro con i tappi puo' essere una soluzione decente..?
e come mi comporto nel gestire l'acufene soprattutto i primi tempi? sono circa a 15 giorni con questa brutta storia e non so ancora minimamente come affrontarlo .. Ringrazio in anticipo chi ha avuto la pazienza e il tempo di leggere questo poema e chi mi risponderà fornendomi esperienze,idee,o quant'altro. Un abbraccio a tutti, Tony.



Ciao Tony, qui dentro e anche altrove la verità assoluta purtroppo non la ha nessuno, quindi cerca di filtrare al meglio le notizie e i consigli che ti vengono dati.

Lascia stare il bite, non buttare soldi in questa strada, perchè è davvero molto complicato tutto quello che ci ruota attorno. Io ci sono passato e ho portato il bite per qualche settimana, utilizzando un metodo che prometteva e promette miracoli, ma è davvero un casino gestirlo e arrivare ad una possibile soluzione, c'è gente che si è rovinata e c'ha messo anni per recuperare i danni fatti. Poi non c'è certezza che il tuo problema nasca da quello e rischieresti solo di perdere tempo e causarti ulteriore stress.

Parlo di stress perchè l'origine del tuo problema è certamente questo, lo stress, non c'è ombra di dubbio in merito, poi che altri problemi possano causarne una cattiva gestione e quindi portare a diverse sintomatologie, vedi acufeni, vertigini nel tuo caso, ma per altri potrebbero essere altri, sempre di natura psicosomatica, potrebbe essere, ma è molto complicato già solo individuarli, figuriamoci risolverli, vedi bite appunto.

Idrope? Probabile, ma se così fosse, l'origine è sempre quella, lo stress, quindi devi prima prendere consapevolezza del problema, poi gestirlo e risolverlo.

Vai a monte di quello che ti è successo in questi 2 mesi, pensa se hai subito un forte stress, qualunque esso sia.

Affronta il problema senza paura, starai sicuramente meglio e potrai tranquillamente svolgere la tua professione senza problemi, non avere paura, non alimentare questa situazione con pensieri negativi, vedrai che le cose cambieranno prospettiva.

Rilassati, sò che è difficile in questo momento, ma la paura alimenta il problema e rischi di entrare in un vortice che rallenterà solo il tuo ritorno alla normalità.

Non pensare all'acufene, non focalizzarti su di esso, cerca di mascherarlo con delle tracce sonore piacevoli, qualunque esse siano, anche della musica, mettila a basso volume, deve solo mascherarlo.

Se c'è bisogno fatti seguire nel percorso da uno psicologo e se il periodo è davvero critico, potresti avere anche bisogno di un aiuto farmaceutico, ma se puoi evita, il rischio è quello di rallentare il ritorno alla normalità.

Fatti forza e prima accetterai la situazione, prima starai meglio.

Lo sò che avresti preferito sentirti dire, che c'è una cura, un luminare o qualcuno con la formula magica per guarire, ma non esiste, il tuo è un percorso che dovrai affrontare, vedila come se quello che stai passando è un campanello d'allarme che ti stà dicendo che qualcosa nella tua vita non và bene, non ti fà stare bene e affrontalo!

In bocca al lupo
OFFLINE
Post: 3
13/01/2018 20.02

Re: Re:
Amberdawn, 13/01/2018 17.30:



Ciao Tony, qui dentro e anche altrove la verità assoluta purtroppo non la ha nessuno, quindi cerca di filtrare al meglio le notizie e i consigli che ti vengono dati.

Lascia stare il bite, non buttare soldi in questa strada, perchè è davvero molto complicato tutto quello che ci ruota attorno. Io ci sono passato e ho portato il bite per qualche settimana, utilizzando un metodo che prometteva e promette miracoli, ma è davvero un casino gestirlo e arrivare ad una possibile soluzione, c'è gente che si è rovinata e c'ha messo anni per recuperare i danni fatti. Poi non c'è certezza che il tuo problema nasca da quello e rischieresti solo di perdere tempo e causarti ulteriore stress.

Parlo di stress perchè l'origine del tuo problema è certamente questo, lo stress, non c'è ombra di dubbio in merito, poi che altri problemi possano causarne una cattiva gestione e quindi portare a diverse sintomatologie, vedi acufeni, vertigini nel tuo caso, ma per altri potrebbero essere altri, sempre di natura psicosomatica, potrebbe essere, ma è molto complicato già solo individuarli, figuriamoci risolverli, vedi bite appunto.

Idrope? Probabile, ma se così fosse, l'origine è sempre quella, lo stress, quindi devi prima prendere consapevolezza del problema, poi gestirlo e risolverlo.

Vai a monte di quello che ti è successo in questi 2 mesi, pensa se hai subito un forte stress, qualunque esso sia.

Affronta il problema senza paura, starai sicuramente meglio e potrai tranquillamente svolgere la tua professione senza problemi, non avere paura, non alimentare questa situazione con pensieri negativi, vedrai che le cose cambieranno prospettiva.

Rilassati, sò che è difficile in questo momento, ma la paura alimenta il problema e rischi di entrare in un vortice che rallenterà solo il tuo ritorno alla normalità.

Non pensare all'acufene, non focalizzarti su di esso, cerca di mascherarlo con delle tracce sonore piacevoli, qualunque esse siano, anche della musica, mettila a basso volume, deve solo mascherarlo.

Se c'è bisogno fatti seguire nel percorso da uno psicologo e se il periodo è davvero critico, potresti avere anche bisogno di un aiuto farmaceutico, ma se puoi evita, il rischio è quello di rallentare il ritorno alla normalità.

Fatti forza e prima accetterai la situazione, prima starai meglio.

Lo sò che avresti preferito sentirti dire, che c'è una cura, un luminare o qualcuno con la formula magica per guarire, ma non esiste, il tuo è un percorso che dovrai affrontare, vedila come se quello che stai passando è un campanello d'allarme che ti stà dicendo che qualcosa nella tua vita non và bene, non ti fà stare bene e affrontalo!

In bocca al lupo




Ciao amberdawn, e grazie mille per la risposta lunga e per aver letto il mio poema..
In realtà nel periodo pre questa brutta situazione non ho avuto stress particolare ne tantomeno situazioni dubbie di stress o traumi fisici.
Vorrei chiederti cosa intendi quando dici che hai portato anche tu il bite . Te lo chiedo perche' a me e' stata confermata la diagnosi di malocclusione mandibolare data da 3 classe.
La cosa che proprio non capiscono pero' questi medici e' se la mia malocclusione ha poi portato a tutti questi problemi all'udito! e vorrei tanto capirlo anche io.
il discorso e' diverso se invece ti riferisci allo stress da quando sto male. in quel caso non posso che dire che sono molto stressato , non riesco a tornare a fare la mia vita , non riesco a studiare serenamente o stare in compagnia senza pensare ai fastidi che ho . Fammi sapere se anche a te era stato diagnosticato un problema di occlusione ..grazie ancora
OFFLINE
Post: 17
14/01/2018 10.23

Re: Re: Re:
tony250, 13/01/2018 20.02:




Ciao amberdawn, e grazie mille per la risposta lunga e per aver letto il mio poema..
In realtà nel periodo pre questa brutta situazione non ho avuto stress particolare ne tantomeno situazioni dubbie di stress o traumi fisici.
Vorrei chiederti cosa intendi quando dici che hai portato anche tu il bite . Te lo chiedo perche' a me e' stata confermata la diagnosi di malocclusione mandibolare data da 3 classe.
La cosa che proprio non capiscono pero' questi medici e' se la mia malocclusione ha poi portato a tutti questi problemi all'udito! e vorrei tanto capirlo anche io.
il discorso e' diverso se invece ti riferisci allo stress da quando sto male. in quel caso non posso che dire che sono molto stressato , non riesco a tornare a fare la mia vita , non riesco a studiare serenamente o stare in compagnia senza pensare ai fastidi che ho . Fammi sapere se anche a te era stato diagnosticato un problema di occlusione ..grazie ancora



Lo stress altera gli equilibri interni e questo può avvenire per diversi fattori, non necessariamente legati alla classica definizione che gli diamo noi tutti e molto spesso sono di difficile individuazione, siamo stressati e neanche ce ne rendiamo più conto, la vita moderna è un gran bel paradosso, perlomeno per me è così.

Il fatto che tu dica che non hai avuto stress particolari, conferma comunque quello che ti ho detto sin da subito, qui dentro e altrove verità assolute non ne troverai, ogni esperienza è diversa e senza conoscersi a fondo, è anche difficile dare giudizi o consigli, proprio perchè non sò/sappiamo come sei nella vita di tutti i giorni.
Posso solo dirti che tutti quelli che ho conosciuto di persona, che hanno problemi legati a vertigini, acufeni e fullness, hanno tratti caratteriali ben distinti (magari non necessariamente tutti assieme), persone spesso ansiose, ipocondriache, nervose, con difficoltà a prendere decisioni, spesso è proprio quest'ultima caratteristica ad accomunarle, lo stress decisionale e la difficoltà a gestirlo.

Il tutto esclusi eventi traumatici, che hanno poco a vedere con lo stress di cui sopra.

Perdonami se mi sono dilungato su questo aspetto, anche se hai specificato di non avere avuto eventi particolarmente stressanti nei 2 mesi antecedenti alla tua comparsa dei sintomi, ma quel "PARTICOLARE" che hai scritto, forse è indicativo, forse no.

Io avevo una malocclusione di seconda classe, ho portato per anni l'apparecchio e poi sono stato operato alla mandibola, che mi ha regalato denti e profilo perfetti, ma all'atto pratico ha dato il via ai miei problemi di vertigini e probabilmente anche negli anni, di acufeni e problematiche varie, dico probabilmente, perchè certezze non ne ho, sò solo che poco dopo la risoluzione dell'intervento, è partito tutto, ormai sono passati più dio 20 anni, capirai bene che è anche difficile ricostruire il tutto, l'ho collegato solo parecchi anni dopo.

Poi lo stress ha fatto il resto, per quello insisto suol discorso stress, perchè è generalmente il fattore scatenante, anche se non necessariamente la causa e su questo si può agire, spesso sulla causa no, perchè probabilmente ancora oggi non la si conosce con certezza.

Circa 3 anni fà, proprio perchè le mie vertigini erano diventate invalidanti, mi sono messo alla ricerca e allo studio delle problematiche legate alla mandibola e alla postura in generale.
Non mi soffermerò molto sull'argomento, perchè molto delicato, ma sicuramente avrai visto in giro che esistono diversi metodi per affrontare il problema, il bite in se significa poco o niente, è la metodologia che viene applicata che fà la differenza, il problema è che i metodi che probabilmente funzionano realmente, sono proprio i più difficili da applicare, perchè sono dei fai da te sostanzialmente, ma non voglio entrare nel merito, sul web trovi tutto quello che ti serve per farti un idea.

Così ho provato uno di questi metodi, ed ho capito subito dopo poche settimane, che sarebbe stato un calvario, anche se da subito avevo avvertito dei cambiamenti importanti nel mio corpo, ma il percorso è davvero complicato e visto che non sapevo dove sarei andato a finire, ho desistito.

Poi dopo circa un anno, è partito il mio acufene a rombo, devastante, ti risparmio la mia storia, la trovi subito dopo la tua se ti interessa, fatto stà che ora stò meglio, sono meno stressato, più tranquillo, non ho più paura e le mie vertigini, che sembravano peggiorare di anno in anno, sono migliorate in maniera clamorosa.


Questa è quello che sò io, spero ti possa essere stato d'aiuto.



Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Nuova Discussione
 | 
Rispondi
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.4.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 04.08. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2018 FFZ srl - www.freeforumzone.com